Jula de Palma
 
 

LA TELEVISIONE ILLUSTRATA
Aprile 1955
Incontri – Jula de Palma

Bacheca
 
Forum
 
 

LA TELEVISIONE ILLUSTRATA
Aprile 1955
Incontri – Jula de Palma

Snella, elegante, con un sorriso luminoso nell'ovale delicato del volto, Jula de Palma è stata definita la “sognatrice dei boulevards e di Place du Théatre”. Forse perchè, appartenendo a quell'esigua eletta schiera di cantanti poliglotti, i suoi maggiori successi li ha ottenuti con le canzoni francesi. Appena l'anno scorso, infatti, ha lanciato, alla “Salle Pleyèl” nella capitale francese, la fortunatissima canzone di Rossi “Mon pays”, ottenendo il “Grand Prix” della Canzone Italiana al Festival di Parigi.
I Mattatori della Canzone 1959

Trasferitasi a Roma da pochi mesi, Jula de Palma vive con i genitori in un piccolo appartamento, elegantemente arredato con mobili inglesi e settecenteschi, disposti con raffinato buon gusto entro una cornice di luminosa modernità. Nella sua camera c'e un pianoforte, un radiogrammofono, molti fiori e molti libri. Tutto ciò, insomma, che le occorre per quei rari momenti che trascorre nell'intimitii della sua casa. In questi ultimi tempi, infatti, questa giovanissima cantante e assurta meritatamente ad uno dei primissimi posti nella scala valori della musica leggera italiana; come diretta conseguenza gliene è derivata una routine di impegni che le lasciano un margine di libertà ogni giorno piu stretto.

Non fu facile per Jula de Palma trovare mezz'ora di tempo da accordarci. Alla fine - grazzie alla cortese sollecitudine della sua mamma - riuscimmo a vederla, tra una prova con Luttazzi e una con Semprini, in uno dei tanti corridoi della sede di via Asiago, carico nei giorni precedenti il V Festival della Canzone italiana, di bisbigli e di elettricità. L'avvenimento, di risonanza addirittura internazionale, aveva messo in allarme, com'è comprensibile, la sezione musica leggera della RAI.

Delle sedici canzoni prescelte quattro sono state affidate a Jula de Palma:
”L'ombra”, “Cantilena del trainante”, “Sentiero” e “Che fai tu luna in Ciel”. Quattro tra le più difficili certamente, ed è per questo che il maestro Semprini iniziò le prove con lei. Prove estenuanti, dalle dieci del mattino a sera tarda, con brevi interruzioni nella grande sala B al pianterreno della sede di via Asiago.

Le Chiedemmo se la febbre della vigilia avesse assalito anche lei, se la emozzionasse il pensiero di salire per la prima volta una delle più famose e discusse ribalte nazionali di musica leggera. Ci rispose che non si trattava di emozione, ma di qualcosa di più profondo: la preoccupazione dell’interprete al quale l’autore ha affidato fiduciosamente il suo bene più prezioso: l’opera sua. Il senso della responsabilità per chi è onesto e consapevole pesa sempre un po', anche quando l'interprete in questione si chiama Jula de Palma, che di opere portate al successo in lizze del genere, ne conta ormai parecchie.

...

»
pagine: 1 - 2 - 3 - 4

Biografia | Discografia | Dicono di lei | L'Esperto | Articoli | Audio | Video | Foto-album
Forum | Bacheca | La Redazione | Scrivici